La Comunità di Vedrana ha accolto da pochi giorni 3 ragazzi pakistani, che si uniscono ai 4 che già abitano con noi da tempo. Hafeez, Awais e Waseem sono arrivati perché abbiamo risposto all'appello di mons. Zuppi dopo la chiusura dell'Hub regionale situato a Bologna


Come le cronache dei giornali hanno ampiamente spiegato l'hub migranti regionale, che si trova a Bologna in via Mattei, è stato chiuso. La manutenzione straordinaria, motivo della chiusura, è stata comunicata il 7 giugno e l'hub chiuso 5 giorni dopo, l'11 giugno.

 

Ciò ha portato a un'emergenza da risolvere in pochissime ore: dare una sistemazione alle 180 persone, quasi tutti richiedenti protezione internazionale provenienti da Pakistan e Sri Lanka, che si trovavano nella struttura.

La maggior parte di loro è stata trasferita a Caltanissetta, in un centro di prima accoglienza, per gli altri circa 50 ospiti che sono rimasti sul territorio si è attivata una rete di "accoglienza diffusa" tra amministrazione comunale, Diocesi di Bologna e Caritas. 


Siamo stati contatti martedì 11 giugno, li abbiamo incontrati: i primi sguardi da lontano, il primo sorriso, la prima stretta di mano e poi il tragitto verso Vedrana, provando ad immergerci nel loro punto di vista: ancora trasportati verso non si sa dove, in balìa di persone che si spera possano aiutare. 

 

 

Come missionari sentiamo la chiamata a condividere la vita con chi soffre, a toccare la carne di Cristo sofferente nei fratelli, come spesso invita Papa Francesco. La nostra presenza sul territorio bolognese fin dall'inizio si è caratterizzata per essere al servizio dell'accoglienza, delle povertà locali e dei giovani.

Questa è la nostra missione e anche la ragione per cui abbiamo abbracciato questi ragazzi, insieme a tutti i nostri volontari e membri.

 

Mercoledì c'è stato il saluto dei volontari, il pranzo, la sistemazione nelle stanze, la cena con gli amici. Hafeez, Awais e Waseem faranno un tratto di strada insieme a noi e agli altri ragazzi, proveniente dall'africa che già vivono in Comunità da diversi mesi.

 

 


Abbiamo bisogno di te - Hafeez, Awais e Waseem all'interno dell'hub di Bologna erano inseriti in programmi di inclusione sociale e professionale: per ognuno di loro era stato avviato un percorso, frequentavano corsi di italiano. Non vogliamo che questo percorso si interrompa. Ci servono volontari per i corsi di italiano e per le attività di inclusione sociale da attivare nella nostra Comunità.

 

Hai voglia e tempo da dedicare a queste attività e idee da condividere con noi? Ti aspettiamo!

Contatta:

P. Luca Vitali

cell. 328 822 7274

posta.vd@cmv.it

 

 

Facebook
Missione Albania
Centro missionario diocesano Forlì