Martedí 28 si é concluso il ritiro di Carnevale che ha visto protagonisti 160 giovani nella avventurosa scoperta della propria originalitá. “Tu sei differente per questo puoi fare la differenza nel mondo”.

Momenti di incontro e di riflessione personale, di musica e di danza, si sono alternati creando um clima di amicizia e di festa.

Particolarmente significativa per i Giovani la presenza di alcuni invitati speciali.

Sabato notte abbiamo accolto per um momento di preghiera inter-religioso "Somos da paz", i rappresentanti della comunitá ebraica, musulmana, induista e buddista e della Chiesa Battista. Francesca Celeghin, uma missionaria della Comunitá di Villaregia ha rappresentato la chiesa cattolica. Ciascuno ha esposto in breve gli elementi essenziali della propria fede, a seguire um momento di preghiera interreligiosa per la pace nel mondo.

“Podemos construir a paz acolhendo nossas diferencias no respeito e na amizade".

Domenica pomeriggio altro appuntamento importante com uma tavola rotonda:

Padre Jaime, presidente di "Sociedade Santos Mártires". Celina Aparecida Simões, in prima linea nella lotta contro il feminicidio in Brasile; Daniel N. Faria, fondatore di ORPAS, collaboratore dell´ ONU e dell´unione europea.

Non potendo essere presente, inviò per i giovani um video Beatriz Martins de Souza, fondatrice dell´ ONG “O Olhar de Bia”, creata nel 2006 quando aveva 6 anni.

Il Carnevale alternativo si é concluso com uma giornata di evangelizzazione di strada e di incontro con i "moradores de rua" di San Paolo. Particolarmente significativa la celebrazione della messa in piazza "da Sé" con Giovani, poveri e passanti insieme.

Ecco alcune ripercussione dei Giovani: Io partecipai a molti ritiri ma nessuno fu come questo, capace mostrarmi che é possibile fare la differenza impegnandosi in modo concreto”.

“Sono tornato a casa grato per la vita e per quanto i miei genitori mi hanno dato. Un grande cambiamento sará quello di far la differenza lá dove vivo, con gli amici, in famiglia...”

“Desidero che questa esperienza di evangelizzazione continui. Mi impegneró per organizzare una missione con i giovani lá dove vivo, perché molte persone non conoscono la ricchezza della vita Cristiana”.